Rassegna Stampa

3 Agosto 2022

A Caltanissetta grande partecipazione per l’evento “Avrei voluto salvarlo. Dialogo letterario di strada sugli uomini maltrattanti” (video)

L’evento fa seguito al protocollo d’intesa firmato in questura per avviare i destinatari di ammonimento del questore, per atti persecutori e violenza domestica, a programmi di recupero

Grande partecipazione ieri pomeriggio all’evento organizzato dalla cooperativa sociale Etnos “Avrei voluto salvarlo. Dialogo letterario di strada sugli uomini maltrattanti”, che si è svolto nel locale Equocream di via Rosso di San Secondo n. 122, insieme al questore Emanuele Ricifari, al direttore dell’Uepe di Caltanissetta ed Enna Rosanna Provenzano, alla psicologa e psicoterapeuta, responsabile Saum Maria Concetta Muscò, il giudice Giovanbattista Tona, il presidente della cooperativa sociale Cipm Paolo Giulini ed altre personalità impegnate in questo campo.

A moderare l’incontro il presidente della cooperativa sociale Etnos Fabio Ruvolo. In mattinata era stato siglato un protocollo d’intesa in questura ”per la prevenzione e il contrasto della violenza domestica e di genere attraverso la promozione ed attuazione di programmi di recupero degli autori di reato” tra la Questura, l’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna (Uepe) di Caltanissetta ed Enna e le cooperative sociali Etnos e CIPM. A Caltanissetta i destinatari dell’ammonimento del questore per atti persecutori, violenza domestica e cyberbullismo frequenteranno programmi di recupero organizzati dai servizi del territorio.

 

“Questo protocollo è fondamentale – spiega il direttore dell’Uepe Rosanna Provenzano – perché ci induce a un lavoro integrato, non soltanto della presa in carico a valle del reato, perché già commesso, ma si comincia a lavorare a monte, nella fase preventiva. A partire cioè da quei segnali che vengono intercettati dalla questura e che quindi vengono molto spesso trattati con gli ammonimenti. Si tratta di integrare, non soltanto metodi di lavoro diversi, la cooperativa che prende in carico e la formazione del Cipm di Milano, ma soprattutto di leggere in modo integrato il territorio. Potremmo infatti cominciare a fare una mappatura del rischio del territorio e avere un approccio multi-agency, cioè allargare l’orizzonte di senso e avere una verità più ampia e migliore, diversa, che include tutte le posizioni. La logica è uscire dal proprio perimetro per guardare il bene comune a 360 gradi”.

 

Fonte:www.seguonews.it

A Caltanissetta grande partecipazione per l’evento “Avrei voluto salvarlo. Dialogo letterario di strada sugli uomini maltrattanti” (video)

Ultimi articoli

Bandi e Avvisi 8 Agosto 2022

PROGETTO – “Patto per la Giustizia di Comunità: dalla divergenza alla comunità inclusiva”

Realizzazione del progetto “Patto per la Giustizia di Comunità: dalla divergenza alla comunità inclusiva” da svolgersi nella città di Caltanissetta.

Rassegna Stampa 3 Agosto 2022

A Caltanissetta grande partecipazione per l’evento “Avrei voluto salvarlo. Dialogo letterario di strada sugli uomini maltrattanti” (video)

L’evento fa seguito al protocollo d’intesa firmato in questura per avviare i destinatari di ammonimento del questore, per atti persecutori e violenza domestica, a programmi di recupero Grande partecipazione ieri pomeriggio all’evento organizzato dalla cooperativa sociale Etnos “Avrei voluto salvarlo.

Rassegna Stampa 3 Agosto 2022

Caltanissetta, firmato il “Protocollo Zeus” e nel pomeriggio il dialogo letterario “Avrei voluto salvarlo”

Stamattina alle ore 10.00, nella sala Emanuela Loi della Questura, è stato firmato un protocollo d’intesa “per la prevenzione e il contrasto della violenza domestica e di genere attraverso la promozione ed attuazione di programmi di recupero degli autori di reato” tra la Questura, l’UEPE di Caltanissetta ed Enna e le cooperative sociali Etnos e CIPM.

Rassegna Stampa 26 Luglio 2022

Emergenza femminicidi, focus in Sicilia sui maltrattanti

Palermo, 5 febbraio 2020. Per una tutela più avanzata delle vittime di violenza occorre occuparsi anche del maltrattante: è questa la sfida al centro del modulo formativo il 6 e il 7 febbraio a Palermo destinato a operatori sociali e sanitari dell’UIEPE Sicilia, con la partecipazione di magistrati, forze dell’ordine, docenti universitari e istituzioni invitati dalla Fondazione Progetto Legalità onlus per favorire un approccio interistituzionale al contrasto alla violenza di genere.

torna all'inizio del contenuto