In evidenza

Bandi e Avvisi

8 Agosto 2022

PROGETTO – “Patto per la Giustizia di Comunità: dalla divergenza alla comunità inclusiva”

Realizzazione del progetto “Patto per la Giustizia di Comunità: dalla divergenza alla comunità inclusiva” da svolgersi nella città di Caltanissetta.

tutti i contenuti

Ultimi articoli

PROGETTO – “Patto per la Giustizia di Comunità: dalla divergenza alla comunità inclusiva”

Bandi e Avvisi 8 Agosto 2022

PROGETTO – “Patto per la Giustizia di Comunità: dalla divergenza alla comunità inclusiva”

Realizzazione del progetto “Patto per la Giustizia di Comunità: dalla divergenza alla comunità inclusiva” da svolgersi nella città di Caltanissetta.

A Caltanissetta grande partecipazione per l’evento “Avrei voluto salvarlo. Dialogo letterario di strada sugli uomini maltrattanti” (video)

Rassegna Stampa 3 Agosto 2022

A Caltanissetta grande partecipazione per l’evento “Avrei voluto salvarlo. Dialogo letterario di strada sugli uomini maltrattanti” (video)

L’evento fa seguito al protocollo d’intesa firmato in questura per avviare i destinatari di ammonimento del questore, per atti persecutori e violenza domestica, a programmi di recupero Grande partecipazione ieri pomeriggio all’evento organizzato dalla cooperativa sociale Etnos “Avrei voluto salvarlo.

Caltanissetta, firmato il “Protocollo Zeus” e nel pomeriggio il dialogo letterario “Avrei voluto salvarlo”

Rassegna Stampa 3 Agosto 2022

Caltanissetta, firmato il “Protocollo Zeus” e nel pomeriggio il dialogo letterario “Avrei voluto salvarlo”

Stamattina alle ore 10.00, nella sala Emanuela Loi della Questura, è stato firmato un protocollo d’intesa “per la prevenzione e il contrasto della violenza domestica e di genere attraverso la promozione ed attuazione di programmi di recupero degli autori di reato” tra la Questura, l’UEPE di Caltanissetta ed Enna e le cooperative sociali Etnos e CIPM.

Emergenza femminicidi, focus in Sicilia sui maltrattanti

Rassegna Stampa 26 Luglio 2022

Emergenza femminicidi, focus in Sicilia sui maltrattanti

Palermo, 5 febbraio 2020. Per una tutela più avanzata delle vittime di violenza occorre occuparsi anche del maltrattante: è questa la sfida al centro del modulo formativo il 6 e il 7 febbraio a Palermo destinato a operatori sociali e sanitari dell’UIEPE Sicilia, con la partecipazione di magistrati, forze dell’ordine, docenti universitari e istituzioni invitati dalla Fondazione Progetto Legalità onlus per favorire un approccio interistituzionale al contrasto alla violenza di genere.

Paolo sono: Il taccuino immaginario di Paolo Borsellino – Itinerari di Legalità

Rassegna Stampa 25 Luglio 2022

Paolo sono: Il taccuino immaginario di Paolo Borsellino – Itinerari di Legalità

Presentazione e incontro con l’autore del libro 𝗣𝗮𝗼𝗹𝗼 𝗦𝗼𝗻𝗼, edito da Giunti Editore, è il libro che sarà presentato nell’ambito del progetto “Itinerari di Legalità”, mercoledì 13 luglio a partire dalle ore 18:30 presso la Torre Ottagonale di Enna.

Paolo Sono, Corlazzoli ha presentato il suo libro all’ARCI di Gela

Rassegna Stampa 25 Luglio 2022

Paolo Sono, Corlazzoli ha presentato il suo libro all’ARCI di Gela

Lo scrittore Alex Corlazzoli durante la presentazione del libro Sono stati i bambini i protagonisti dell’incontro di giovedì pomeriggio presso il Circolo ARCI Le Nuvole in occasione della presentazione del libro di Alex Corlazzoli “Paolo sono”.

tutti i contenuti

U.L.E.P.E. di Caltanissetta ed Enna

L’Ufficio Locale di Esecuzione Penale Esterna di Caltanissetta ed Enna opera costantemente in linea con i cambiamenti socio-culturali e normativi che hanno investito il Paese negli ultimi anni e che vedono i servizi della Pubblica Amministrazione orientarsi sempre più verso processi di presa in carico, fondati sulla centralità della persona/utente, l’orientamento al risultato, l’attenzione alla qualità, l’analisi dei processi si semplificazione delle procedure. Gli Uepe realizzano in tal modo il doppio mandato: contribuire alla sicurezza della collettività e aiutare le persone condannate ad inserirsi nel contesto sociale.

 

  • Indagini sociali: Processo di lavoro che prevede la raccolta e la valutazione di informazioni a cura degli operatori dell’Ufficio Locale E.P.E. riguardanti il soggetto, le sue relazioni significative in ambito familiare, sociale e lavorativo, finalizzato alla formulazione di un’ipotesi progettuale. Vengono richieste da Tribunali e Uffici di Sorveglianza.

 

  • Relazioni periodiche: Elaborati relativi all’andamento della misura alternativa che periodicamente vengono inviati agli Uffici di Sorveglianza di competenza.

Missione dell’U.L.E.P.E.

 

La finalità degli UEPE è di favorire il reinserimento soociale delle persone giudicate definitivamente rispetto al reato commesso recuperando la dimensione della legalità e contribuendo alla sicurezza sociale, nel rispetto dei principi sanciti dagli Artt. 27 e 3 della Costituzione Italiana.

Il compito degli UEPE è orientare e sostenere la persona in un percorso individualizzato di reinserimento sociale, che attivi e potenzi le risorse personali e coinvolga i familiari, le istituzioni e i servizi del territorio nel rispetto  della dignità e dell’unicità della persona.

Il perchè degli U.L.E.P.E.

 

Il sistema penale italiano, ispirato all’art. 27 della Costituzione Italiana che afferma il fine rieducativo della pena, prevede come modalità di esecuzione della condanna sia la detenzione in un istituto penitenziario che l’accesso a misure alternative alla detenzione. Tali benefici consentono alle persone condannate, in possesso di determinati requisiti oggettivi e soggettivi, di scontare la pena nel proprio ambiente di vita, ottemperando alle prescrizioni imposte dalla Magistratura di Sorveglianza. Gli Uepe sono deputati alla gestione del sistema dell’esecuzione penale non detentivo.

La finalità del reinserimento nella società secondo le ultime ricerche nel settore, viene raggiunta in misura maggiore quando l’esecuzione della pena avviene all’esterno del carcere. Studi di settore hanno evidenziato una percentuale di recidiva del 70% dei condannati che hanno espiato la pena in Istituto penitenziario contro una percentuale di recidiva del 20% tra condannati che hanno beneficiato di una misura alternativa. Tuttora nuovi studi confermano l’efficacia anche in termini economici delle misure alternative per garantire il reinserimento sociale dei condannati.

Mappa Interattiva

Clicca su per attivare
torna all'inizio del contenuto

AVVISO AL PUBBLICO

 

Le disposizioni vigenti sull’attuale emergenza COVID-19 impongono una limitazione dell’accesso dell’utenza presso gli Uffici pubblici  alle situazioni di urgenza e necessità al fine di evitare assembramenti.

Si dispone pertanto che l’utenza sarà ricevuta solo ed esclusivamente previo appuntamento telefonico e comunque garantendo le misure di contenimento del contagio previste (presentarsi da soli muniti di mascherina e guanti).

Contatti telefonici: 0934 29390 – 0934 23786 – 0934 583404
dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 13:00
martedì e giovedì dalle 15:00 alle 17:00

 

È CONSIGLIABILE CHE L'UTENZA ACCEDA ALL'UFFICIO ESIBENDO LA CERTIFICAZIONE VERDE (Green pass). Si precisa che i servizi offerti da questo ufficio possono essere usufruiti anche in via telematica o comunque da remoto